De “caballeros de la muerte” a la “lucha por la vida”. Los arditi italianos, de la guerra a la militancia antifascista

Eros Francescangeli

Resumen

El artículo aborda la historia de los arditi en la Italia posterior a la Primera Guerra Mundial: tropas de elite desarrolladas en el ejército italiano desde 1917. Los arditi en la posguerra se convirtieron en un violento grupo político que suele relacionarse en la historiografía de manera unidireccional con el fascismo. El artículo demuestra una realidad mucho más compleja, centrándose en la trayectoria de grupos antifascistas llamados Arditi del popolo, creados en reacción a la amenaza fascista. Se examinan las características de las mentalidades de los arditi durante la posguerra italiana en el marco de las asociaciones de excombatientes, señalando concomitancias y puntos de ruptura entre aquellos ex-arditi que decidieron apoyar el fascismo, y aquellos que se convirtieron al antifascismo.

Palabras clave

Arditi; Paramilitarismo; Fascismo; Antifascismo; Primera Guerra Mundial; Italia

Texto completo:

PDF (273,83 kB) Estadísticas

Referencias


ABSE, Tobias “Sovversivi” e fascisti a Livorno (1918-1922). La lotta politica e sociale in una città industriale della Toscana, Livorno, Quaderni della Labronica, 1990.

ANTONELLI, Bruna, Lo squadrismo fascista e l’esperienza a Terni degli “Arditi del popolo” diretti da Carlo Farini (1921-’22), Terni, Libreria Luna, 1995.

ANTONINI, Silvio, Faremo a fassela. Gli arditi del popolo e l’avvento del fascismo nella città di Viterbo e nell’Alto Lazio (1921-1925), Prefacio de Maurizio Ridolfi, Viterbo, Sette Città, 2011.

BALESTRINI, Nanni, Parma 1922.Una resistenza antifascista (editado por Margherita Becchetti, Giovanni Ronchini e Andrea Zini), Roma, DeriveApprodi, 2002.

BALSAMINI, Luigi, Gli Arditi del popolo. Dalla guerra alla difesa del popolo contro le violenze fasciste, Casalvelino Scalo, Galzerano, 2002.

BARROIS, Claude, Psichanalyse du guerrier, París, Hachette, 1993.

BARAVELLI, Andrea, La vittoria smarrita. Legittimità e rappresentazioni della Grande Guerra nella crisi del sistema liberale (1919-1924), Roma, Carocci, 2006.

BEHAN, Tom, The resistible rise of Benito Mussolini, Bookmarks, Londres 2002.

BIANCHI, Roberto, Bocci-Bocci. I tumulti annonari nella Toscana del 1919, Florencia, Olschki, 2001.

BIANCHI, Roberto, Pace, Pane, Terra. Il 1919 in Italia, Roma, Odradek, 2006.

BOCCHI, Giancarlo Il ribelle. Guido Picelli una vita da rivoluzionario, International media productions, [Parma] 2013.

BORGHI, Armando, Mezzo secolo di anarchia (1898-1945), Napoli, Esi, 1954.

BOURKE, Joanna, Le seduzioni della guerra. Miti e storie di soldati in battaglia, Roma, Carocci, 2003.

BUSICH, Renato, “Una croce sulla Cassia. Accadde a Viterbo il 12 luglio 1921”, en Biblioteca e società, n. 4, 1981, pp. 9-14.

CACUCCI, Pino, Ribelli!, Milán, Feltrinelli, 2001.

CACUCCI, Pino, Oltretorrente, Milán, Feltrinelli, 2001.

CESTE, Armando; Torri, Gianfranco, La storia degli Arditi del popolo. Storia di una vittoriosa battaglia dell’antifascismo militante (le 5 giornate di Parma del 1922) raccontate a fumetti per tutti i ragazzi, Roma, Savelli, 1976.

CORDOVA, Ferdinando, Arditi e legionari dannunziani, Padua, Marsilio, 1969.

COSTANTINI, Claudio, “I fatti di Sarzana nelle relazioni della Polizia”, en Movimento operaio e socialista, n. 1, 1962, pp. 61-100.

DE FELICE, Renzo, Mussolini il fascista, vol. I, La conquista del potere (1921-1925), Turín, Einaudi, 1966.

DE MICHELI, Mario, Barricate a Parma, Roma, Editori Riuniti, 1960.

D'ORSI, Angelo, La rivoluzione antibolscevica. Fascismo, classi, ideologie (1917-1922), Milán, Franco Angeli, 1985.

FABBRI, Fabio, Le origini della guerra civile. L’Italia dalla Grande Guerra al fascismo, (1918-1921), Turín, Utet, 2009.

FRANCESCANGELI, Eros, Arditi del popolo. Argo Secondari e la prima organizzazione antifascista (1917-1922), Roma, Odradek, 2000.

FRANCESCANGELI, Eros, “Arditi, non gendarmi!”, en Isnenghi, Mario; Albanese, Giulia, Gli italiani in guerra. Conflitti, identità, memorie dal Risorgimento ai nostri giorni, vol. IV, Il Ventennio fascista, t. 1, Dall’impresa di Fiume alla Seconda guerra mondiale (1919-1940), Turín, Utet, 2008, pp. 87-93.

FUSCHINI, Ivan, Gli Arditi del popolo, con Prefacio de Arrigo Boldrini, Ravenna, Longo, 1994.

GAMBETTA, William y GIUFFREDI, Massimo (edit.), Memorie d’agosto. Letture delle Barricate antifasciste di Parma del 1922, Milán, Punto rosso, 2007.

GAMBETA, William, “L’esercito proletario di Guido Picelli (1921-1922)”, en Storia e documenti, n. 7, numero speciale 2002.

GENTILE, Emilio, Il culto del littorio. La sacralizzazione della politica nell’Italia fascista, Roma-Bari, Laterza, 1993.

GENTILI, Valerio, La legione romana degli Arditi del popolo, Roma, s.e. [Tipografia Csr], 2008.

GENTILI, Valerio, Bastardi senza storia. Dagli Arditi del Popolo ai Combattenti Rossi di Prima Linea: la storia rimossa dell’antifascismo europeo, prefacio de Cristiano Armati, Roma, Castelvecchi, 2011.

GIBELLI, Antonio, La Grande Guerra degli italiani 1915-1918, Milán, Sansoni, 1998.

GIOVANNI, Claudio, L’Italia da Vittorio Veneto all’Aventino. Storia politica delle origini del fascismo, Bolonia, Pàtron, 1972.

GRAZIA, Victoria; LUZZATTO, Sergio (eds.), Dizionario del fascismo, vol. I, Turín, Einaudi, 2002.

GUBITOSI, Giuseppe, “Gli Arditi del popolo e le origini dello squadrismo fascista: il caso umbro”, en Materiali di storia, Annali della facoltà di Scienze politiche, Università di Perugia, n. 14, a.a. 1977-78, pp. 125-185.

ISNENGHI, Mario (edit.), Operai e contadini nella grande guerra, Bolonia, Cappelli,1982.

ISNENGHI, Mario, Il mito della grande guerra, Bolonia, il Mulino,1989.

ISOLA, Gianni, “Socialismo e combattentismo: la Lega proletaria (1918-1922)”, en Italia contemporanea, n. 141, 1980, pp. 5-29.

ISOLA, Gianni, Guerra al regno della guerra! Storia della Lega proletaria mutilati invalidi reduci orfani e vedove di guerra (1918-1924), Florencia, Le Lettere, 1990.

LEED, Eric J., Terra di nessuno. Esperienza bellica e identità personale nella prima guerra mondiale, Bolonia, il Mulino, 1985.

LUPARINI, Alessandro, “Gli anarchici interventisti e il fascismo. Il caso di Gino Coletti in una lettera a Mussolini”, en Nuova storia contemporanea, n. 3, 1998, pp. 95-104.

MELOGRANI, Piero, Storia politica della Grande guerra 1915-1918, Bari, Laterza,1969.

MONARDO FACCINI, Luigi, Un poliziotto perbene, Lerici, I libri dell’Ippogrifo, 2002.

MONDINI, Marco, La politica delle armi. Il ruolo dell’esercito nell’avvento del fascismo, Roma-Bari, Laterza, 2006.

MEDA, Juri, “Sovversivi. Arditi del popolo, antifascisti e fuorusciti nell’Alto Casalasco (1919-1932)”, Quaderni del Laboratorio della Memoria di Isola Dovarese, n. 6, 2004.

Meneghini, Giuseppe, La Caporetto del fascismo. Sarzana, 21 luglio 1921, Prefacio de Arrigo Petacco, Milán, Mursia, 2011.

MINARDI, Marco (ed.), Pro Memoria. La città, le barricate, il monumento. Scritti in occasione della posa del Monumento alle barricate di Parma dell’agosto 1922, Parma, Comune di Parma, 1997.

MOSSE, George L., Le guerre mondiali dalla tragedia al mito dei caduti, Roma-Bari, Laterza, 1990.

NEPPI MODONA, Guido, Sciopero, potere politico e magistratura (1870-1922), Bari, Laterza, 1969.

PALAZZINO, Mario, “Da Prefetto Parma a gabinetto Ministro Interno”. Le barricate antifasciste del 1922 viste attraverso i dispacci dei tutori dell’ordine pubblico, Introducción de Marzio Dall’Acqua y Prefacio de Eros Francescangeli, Parma, Silva, 2002.

PALAZZOLO, Guglielmo, “L’apparato illegale del Partito comunista d’Italia nel 1921-22 e la lotta contro il fascismo”, en Rivista storica del socialismo, septiembre 1966, pp. 95-142.

PERFETTI, Francesco, Fiumanesimo, sindacalismo e fascismo, Roma, Bonacci, 1988.

PIERMARINI, Claudia, I soldati del popolo. Arditi, partigiani e ribelli: dalle occupazioni del biennio 1919-20 alle gesta della Volante Rossa, storia eretica delle rivluzioni mancate in Italia, con prefacio de Pasquale Iuso, Roma, Red Star Press, 2013.

POMPEJANO, Daniele, “Autobiografia di un capitano degli Arditi 1927-28”, en Rivista di storia contemporanea, n. 2, 1983, pp. 194-218.

PONTI, Anton Carlo, Argo. Una storia italiana, Perugia, Murena, 2013.

RICCARDI, Carlo (ilustración), Racconto d’agosto. Le barricate a Parma del 1922, Parma, Club Agorà, 1996.

RIGAZIO, Francesco, “Gli Arditi del popolo a Vercelli (Luglio-Agosto 1921)”, en Archivi e Storia, n. 15-16, 2000, pp. 103-160.

ROCHAT, Giorgio, Gli Arditi della grande guerra. Origini, battaglie e miti, Milán, Feltrinelli, 1981.

ROCHAT, Giorgio, “Gli Arditi nella grande guerra”, en Isnenghi, Mario Operai e contadini nella grande guerra, Bolonia, Cappelli, 1982.

ROCHAT, Giorgio, Ufficiali e soldati. L’esercito italiano dalla prima alla seconda guerra mondiale, Udine, Gaspari, 2000.

ROSSI, Marco, Arditi, non gendarmi! Dalle trincee alle barricate: arditismo di guerra e arditi del popolo (1917-1922), con Prefacio de Eros Francescangeli, Pisa, Bfs, 2011.

ROSSI, Marco, Livorno ribelle e sovversiva. Arditi del popolo contro il fascismo 1921-1922, Pisa, Bfs, 2012.

SABBATUCCI, Giovanni, I combattenti nel primo dopoguerra, Roma-Bari Laterza, 1974.

SALARIS, Claudia, Alla festa della rivoluzione. Artisti e libertari con D’Annunzio a Fiume, Bolonia, il Mulino, 2002.

SANTARELLI, Enzo, Le Marche dall’Unità al fascismo. Democrazia repubblicana e movimento socialista, Ancona, Istituto regionale per la storia del movimento di liberazione nelle Marche, 1983.

SPRIANO, Paolo, Storia del partito comunista italiano. I. Da Bordiga a Gramsci, Einaudi, Turín 1967, pp. 139-151.

STAID, Andrea, Gli Arditi del popolo. La prima lotta armata contro il fascismo 1921-1922, Ragusa, La Fiaccola, 2007.

SUZZI VALLI, Roberta, Le origini del fascismo, Roma, Carocci, 2003.

TAGLIAFERRI, Ivano, Morte alla morte. Arditi del Popolo a Piacenza 1921-1922, prefacio de Carla Antonini, Piacenza, Vicolo del pavone, 2004.

VENTRONE, Angelo, La seduzione totalitaria. Guerra, modernità, violenza politica (1914-1918), Roma, Donzelli, 2003.

VENTURA, Andrea, I primi antifascisti. Sarzana, estate 1921. Politica e violenza tra storia e storiografia, presentación de Paolino Ranieri, prefacio de Luca Baldissara, Sestri Levante, Gammarò, 2010.




DOI: https://doi.org/10.14198/PASADO2016.15.03





Copyright (c) 2016 Eros Francescangeli